A tavola con le patate germogliate: ecco cosa dovreste sapere

patate-germogliate

Quante volte sei rientrato/a a casa con l’idea di consumare le patate conservate nella dispensa e invece le hai trovate germogliate all’interno della rete in cui erano riposte? Non è raro trovare le patate germogliate anche dopo appena qualche giorno dall’acquisto, ma decidere se mangiarle oppure buttarle è una questione legata alla nostra salute.

Le patate contengono la solanina, un alcaloide contenuto persino in altri ortaggi, e se non vengono conservate in un ambiente buio, asciutto e fresco, germogliano prima poiché la concentrazione di solanina aumenta. Ecco perché si consiglia di conservare le patate al chiuso, in un ambiente buio e asciutto, in modo che le patate germoglino più tardi.

Se il tubero si presenta rugoso e morbido al tatto, si consiglia di buttarlo perché la sua consumazione potrebbe dare luogo a una possibile intossicazione alimentare; se invece il tubero si presenta intatto, si può procedere alla sua consumazione togliendo i germogli e pelandone la buccia.

Le ricette con le patate germogliate (e non solo!)

Le patate si prestano a mille ricette, tutte ugualmente gustose e prelibate. Piacciono soprattutto ai bambini e non solo nella classica versione delle patatine fritte. I bambini amano molto anche il purè, le patate lesse schiacciate, le crocchette di patate e tante altre ricette sfiziose. Questi famosi tuberi sono uno degli alimenti alla base della nostra alimentazione e con questo ortaggio si può cucinare praticamente tutto il menù: numerosi primi piatti, ma anche secondi, contorni pizze e minestre.

Tra le ricette più gettonate che possiamo trovare con le patate germogliate, troviamo quella delle polpette di patate alla rucola. Ottime sia come antipasto che come contorno, sono gradite un po’ a tutti, soprattutto per il loro sapore pieno, corposo e coinvolgente, dato principalmente dalla presenza della rucola all’interno dell’impasto.

Per preparare queste polpette di patate occorrono:

  • 6 patate di medie dimensioni,
  • qualche foglia di rucola,
  • pecorino q.b.,
  • un uovo,
  • sale e pepe q.b.,
  • pangrattato e olio.

La preparazione delle polpette di patate alla rucola

Dopo aver fatto lessare le patate e averle schiacciate fino a ridurle a purè, bisogna sminuzzare la rucola e unire gli ingredienti dopo averli spolverati di sale e pepe. In seguito, dobbiamo aggiungere il pecorino e amalgamare gli ingredienti fino a ottenere un composto morbido e omogeneo.

Dopodiché, sarà il momento di formare delle palline con le mani e lasciarle riposare in un piatto. A parte, sbattiamo un uovo e predisponiamo un contenitore con del pangrattato. Passiamo le polpette nell’uovo e poi nel pangrattato. Friggiamo il tutto o inforniamo per una decina di minuti. Ricorda di servire le polpette ben calde!

Un’altra ricetta evergreen è sicuramente la focaccia di patate!

Ecco gli ingredienti: 500 grammi di farina, lievito di birra, 200 grammi di patate, olive in salamoia, sale fino, sale grosso, olio extravergine di oliva e acqua tiepida. Per prima cosa, dobbiamo lessare le patate e schiacciarle fino a farne un purè. Poi uniamo la farina, il lievito, un cucchiaio di sale e due cucchiai di olio. Amalgamiamo il composto unendo a poco a poco l’acqua tiepida e fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.

Stendiamo la focaccia in una teglia precedentemente foderata con carta forno e lasciamo lievitare per due/tre ore. Spennelliamo la superficie con una soluzione di acqua e olio, aggiungiamo olive e sale grosso, e inforniamo a 180° per mezz’ora. Una ricetta semplice, veloce e gustosa!

Per chi ama le patate, sono da provare inoltre la ricetta del tortino di patate, uova e scamorza e quella degli gnocchi fatti in casa, che possiamo preparare ovviamente anche con le patate germogliate.

No votes yet.
Please wait...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*