Come fare i tarallini pugliesi in casa

tarallini pugliesi

I tarallini sono una bontà tipica pugliese, il cui impasto base è costituito semplicemente da farina, pepe, sale ed olio. Si tratta di snack molto saporiti che si possono mangiare sia a merenda, sia come antipasto rustico, magari accompagnati da olive, formaggi e affettati. Realizzarli in casa non è complicato, ci vuole sono un po’ di tempo e pazienza.

Per circa 50 tarallini:

  • 250 gr. di farina
  • 65 gr. di olio extravergine di oliva
  • 5 gr. di sale
  • 100 gr. di vino bianco
  • 1 pizzico di pepe
  • 1 un cucchiaino di semi di finocchietto

 

Procedimento:

Per realizzare i tuoi tarallini occorre, come prima cosa, mescolare in una capiente ciotola l’olio, la farina, il pepe, il finocchietto ed infine il vino bianco. Dopo aver amalgamato un po’ tutti gli ingredienti trasferisci il composto su una spianatoia fredda e lavoralo con cura per almeno 20 minuti sino a quando non otterrai una pasta liscia ed elastica. Se vuoi velocizzare questa fase e risparmiarti un po’ di fatica puoi anche impiegare una planetaria.

A questo punto copri con la pellicola trasparente la pasta e lasciala riposare per un’oretta in frigorifero. Trascorso questo lasso di tempo dividi il composto in parti uguali del peso di circa 8 grammi l’uno e procedi a formare i tarallini: col palmo della mano ricava dei bastoncini lunghi circa 8 cm e col diametro di 1 cm. Unisci le due estremità di ogni bastoncino ricreando la classica forma a goccia del tarallo.

Una volta che saranno tutti pronti, porta ad ebollizione una pentola d’acqua e immergivi i tarallini, scolandoli non appena vengono a galla. Sistema i tuoi tarallini su una placca da forno rivestita di carta oleata, ben distanziati fra loro, e falli cuocere in forno preriscaldato a 200° per mezz’ora, sino a quando non assumeranno un colore dorato. Una volta cotti, estraili dal forno e lasciali raffreddare. I tuoi tarallini sono pronti per essere gustati: si possono consumare nell’arco di una settimana – se resisti così tanto! – conservandoli in una scatola in latta.

 

No votes yet.
Please wait...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*