Come fare le uova di Pasqua al cioccolato

uova di Pasqua al cioccolato

Le tradizioni, specie quelle enogastronomiche, sono sempre un grande piacere e le uova di Pasqua sono sicuramente tra quelle più gradite da grandi e piccini. Se non è Natale senza un regalo da scartare non è Pasqua senza un uovo al cioccolato da rompere e magari trovarci dentro qualche simpatica sorpresa. Vediamo quindi qual è la ricetta per preparare le uova di Pasqua, sia al cioccolato al latte, fondente o bianco, che gli strumenti che ci occorrono per la preparazione.

Gli ingredienti

  • 500g di cioccolato

Strumenti e accessori

  • pennellino da cucina;
  • 2 stampi per le uova;
  • sorpresa (opzionale).

La preparazione

Come abbiamo visto gli ingredienti per fare le uova di Pasqua al cioccolato sono semplicissimi e anche la preparazione è altrettanto semplice; l’unica cosa in più di cui dobbiamo munirci sono gli stampi per poter dare la forma al nostro uovo. Procediamo con una versione semplificata della ricetta che non prevede di temperare il cioccolato, ma solamente di scioglierlo a bagnomaria.

La prima cosa da fare è proprio quella di sciogliere il cioccolato a bagnomaria, una procedura molto semplice che ci consentirà di abbreviare i tempi ed evitare complicazioni durante la preparazione. Prendiamo un pentolino in metallo e ci versiamo dentro circa tre dita d’acqua. Sopra il pentolino mettiamo una piccola ciotola con all’interno i 500g di cioccolato. La cosa cui dobbiamo prestare molta attenzione è che la ciotola più piccola non tocchi né il fondo né i bordi del pentolino. Accendiamo quindi il fuoco, mettendolo ad una fiamma medio-bassa e attendiamo che il nostro cioccolato inizi a sciogliersi, mescolandolo continuamente fino a quando non sarà completamente sciolto.

Un consiglio per velocizzare i tempi è quello di sminuzzare il più possibile il cioccolato, in modo che lo scioglimento sia più semplice e rapido; in questo modo in 5 minuti massimo dovreste riuscire a completare questa operazione.

A questo punto facciamo raffreddare il cioccolato per una decina di minuti. Ora non dovrete fare altro che prendere il primo stampo per le uova e, utilizzando il pennellino da cucina, stendere un primo strato di cioccolato sul fondo. Una volta terminata questa operazione con entrambi gli stampi bisogna posizionarli in frigo per circa due ore. Trascorso questo tempo è sufficiente premere leggermente sulla parte esterna degli stampi per far uscire la metà di uova di Pasqua senza che si rompa.

Se volete mettere all’interno dell’uovo di Pasqua una sorpresa ricordatevi di proteggerla (e proteggere l’uovo) mettendola dentro una bustina di quelle alimentari. Posizionata la sorpresa nell’uovo è sufficiente unire le due metà e spennellare con del cioccolato avanzato da quello utilizzato per creare gli stampi. Applicatelo in maniera più omogenea possibile e questi farà da colla alle due metà e il vostro uovo di Pasqua è pronto.

Per le decorazioni potete sbizzarrirvi come meglio volete, magari realizzando una scritta o un disegno, oppure lasciare l’uovo di Pasqua semplice e pronto per essere rotto e gustato. Anche per il confezionamento potrete utilizzare i metodi che più preferite, avendo cura di scegliere materiali ad uso alimentare.

Le origini di una tradizione

La tradizione di preparare e regalare delle uova di Pasqua al cioccolato è piuttosto recente, ma si fonda su una molto più antica, risalente all’incirca all’epoca medievale, dove si aveva l’abitudine di regalare delle vere e proprie uova, decorate in tantissimi modi. Tale tradizione in alcune parti d’Italia si è conservata, ma quella delle uova al cioccolato ha preso decisamente il sopravvento, anche dal punto di vista mediatico e della grande distribuzione.

È nato prima l’uovo o la gallina? In questa sorta di dubbio amletico è possibile riassumere la simbologia antica di vedere nell’uovo una delle rappresentazioni maggiori della vita e della nascita. Scambiarsi le uova era un’abitudine anche tra gli antichi Persiani e questo augurio e simbolo di vita ha trovato nel Cristianesimo e nel Cattolicesimo terreno fertile, tanto da utilizzarlo nella prospettiva della vittoria della vita sulla morte da parte di Gesù Cristo.

Altre tradizioni, anche europee, legano le uova al digiuno quaresimale. Queste vengono accumulate durante i giorni di digiuno e consumate nel periodo successivo alla Pasqua. Dal XX secolo si è diffusa la tradizione di regalare uova di Pasqua al cioccolato con all’interno delle sorprese e oggi è possibile trovarle in qualsiasi supermercato o richiederne una versione personalizzata in tutte le pasticcerie locali.

No votes yet.
Please wait...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


4 × quattro =