Il Cuoppo

Nato nel 2014, il primo di una lunga serie di locali targati Il Cuoppo ha visto la luce nel pieno centro di Napoli, nella storicissima Spaccanapoli. L’idea è stata dei fratelli Sangiovanni, che hanno voluto rivitalizzare la lunga tradizione dei fritti napoletani. L’hanno fatto a modo loro, rileggendola con nuove suggestioni. Si tratta di cartocci da street food italico, tanto che i cuoppi si possono consumare in strada o nei locali del gruppo, di cui 3 sono a Napoli e uno in apertura a Milano, mentre altri 5 sono in franchising e sparsi per l’Italia (Torino, Brescia, Nettuno, Cosenza e Lamezia).

Nei cuoppi si possono trovare dalle classiche crocchette alle frittatine di pasta, dalle alici ai fiori di zucca e salame. In menu ce ne sono ben 12, compreso O’ cuopp ro’ creaturo, un cartoccio dedicato ai più piccoli, in cui sono concentrate particolari accortezze.

Tra cuoppi di terra e di mare, il vicepresidente del gruppo, Giorgio Sangiovanni, consiglia O’ cuopp gourmet, composto dai migliori prodotti del territorio campano (i franchising, infatti, prendono le materie prime direttamente dalle cucine centrali, così da mantenere inalterata la qualità). Cosa c’è dentro? Il patafriariello (patate e friarielli), la frittatina genovese, quella menta e zucchine, i fiori di zucca con ricotta e salame (nella versione di terra).

I clienti, però, possono scegliere di fare modifiche con il cuoppo Comme vuò tu. Ogni crocchetta e tutte le ghiottonerie sono prodotte nelle cucine centrali partendo dalle materie prime intere: le patate, ad esempio, si pelano e lavorano in loco, così come accade con il riso e il riso venere

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...