La sfoglia verde per le lasagne (e non solo)

Sfoglia verde

Oggi vogliamo vedere come fare la sfoglia verde per le lasagne, un tipo di pasta sfoglia utile anche per molte altre ricette. È una versione molto semplice ma anche molto sfiziosa, sia dal punto di vista estetico (è ottima per molti abbinamenti e presentazioni di piatti durante ricorrenze particolari), ma anche perché si adatta in maniera particolare con tanti tipi di ingredienti. Scopriamo come farla e come utilizzarle per le nostre ricette.

Gli ingredienti

Partiamo al solito dagli ingredienti che ci serviranno per preparare la sfoglia verde per le lasagne:

  • 500g di farina;
  • 300g di spinaci (o di ortica);
  • 3 uova.

Avremo anche bisogno di una serie di strumenti:

  • spatola;
  • mattarello (lungo almeno 100cm e con un diametro di 5cm);
  • spianatoia in legno;
  • coltello a lama quadrata per tagliare la pasta.

La preparazione

Prima di procedere con la preparazione della sfoglia verde per lasagne è bene ricordare come i 300g di spinaci siano da considerare a crudo, in quanto una volta che verranno cotti peseranno circa la metà. Come si fa la pasta? La prima cosa da fare è prendere la faina e disporla ‘a fontana’ sopra la spianatoia, per poi rompere le uova all’interno di un tegame. Dopo aver lessato gli spinaci inseriamo tutto all’interno della farina per poi mescolare il tutto aggiungendo la farina dalla parte esterna della fontana. Una volta che il composto si è assorbito completamente fino a divenire un impasto unico, possiamo procedere oltre.

Tramite la spatola raschiamo la spianatoia in modo da togliere tutti i residui dell’impasto che abbiamo appena preparato. Questa operazione serve a togliere tutti i residui che potrebbero rovinare la pasta sfoglia verde.

Riprendiamo quindi l’impasto e lo lavoriamo a mani nude sulla spianatoia con un movimento regolare, avendo cura di non rigirare l’impasto. Il segreto è quello di girarla in senso orario di circa un quarto dopo ogni pressione. Continuiamo con la lavorazione per almeno un quarto d’ora, per poi avvolgerla in una pellicola alimentare e lasciarla riposa per almeno mezz’ora in un luogo fresco.

Ci occupiamo ora di infarinare la spianatoia per poi mettere la nostra sfoglia verde al centro di essa per iniziare a lavorarla con il mattarello. In questo caso il segreto per spianare bene la pasta sfoglia è quello di partire dal centro per poi dirigersi verso la parte superiore, per poi ripartire dal centro e dirigersi verso i lati. Come prima giriamo di un quarto in senso orario per poi ripetere con le stesse operazioni. Questo processo di lavorazione deve essere ripetuto su entrambi i lati. Questo lavoro deve proseguire fino a quando la pasta sfoglia verde non raggiunge lo spessore di quasi un millimetro.

Aspettiamo che la pasta sfoglia si asciughi per poi arrotolarla intorno al mattarello, sfilarla e, da questa posizione, tagliarla della larghezza che si preferisce per preparare le lasagne verdi. L’impasto e la ricetta sono le stesse per preparare anche le pappardelle (si consiglia di tagliare strisce di circa 2cm), le tagliatelle (tagliare strisce di circa 7mm) e i tagliolini (tagliare strisce di circa 3mm).

Consigli per alcune ricette gustose

Come utilizzare la sfoglia verde? Su Creare in Cucina abbiamo tantissime ricette che si possono rivisitare utilizzando questa variante della classica pasta sfoglia; ecco alcune delle più intriganti e gustose:

Buon appetito!

No votes yet.
Please wait...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*