Penne rigate al forno con capperi e olive nere

Penne rigate al forno

La ricetta per preparare le penne rigate al forno con capperi e olive nere è molto semplice e allo stesso tempo molto gustosa, ideale per un pranzo della domenica in famiglia o con gli amici. Le penne rigate si prestano perfettamente a diverse ricette, come nel caso delle penne all’arrabbiata, le pennette al pomodoro fresco e Quartirolo e le penne rigate con crema di broccoli e salsiccia.

La pasta è uno degli elementi principali della dieta mediterranea, invidiataci in tutto il mondo e saperla cucinare con ricette sempre diverse e gustose è un piacere per il fisico e per la salute. È una ricetta semplice e originale, che si può preparare in qualsiasi periodo dell’anno anche se non si è dei principi o delle regine dei fornelli. Inoltre, per chi lo preferisse o in casa non avesse a disposizione le penne rigate, può sostituire questo tipo di pasta con qualsiasi altra. Vediamo quindi come procedere.

Gli ingredienti

Questi sono gli ingredienti per preparare le penne rigate al forno con capperi e olive nere. Le quantità si riferiscono ad una preparazione per 4 persone.

  • 350 gr. di Penne rigate;
  • 200 gr. di mozzarella per pizza;
  • 1 scatola di polpa di pomodoro;
  • 2 cucchiai di capperi dissalati;
  • 32 olive nere grandi;
  • 2 cucchiai di basilico tritato;
  • 2 cucchiai di pecorino grattugiato;
  • 1 cucchiaio di grana padano grattugiato;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • sale q.b.

La preparazione

Innanzitutto procedere preparando una pentola con abbondante acqua salata e lasciarla bollire a fuoco basso. Mentre l’acqua bolle si può iniziare a tagliare la mozzarella per pizza, prima a fette e poi a dadini di medie dimensioni. Quando l’acqua raggiunge la temperatura di ebollizione, si possono mettere a cuocere le penne rigate. Trascorsi cinque minuti scolare la pasta e metterla in un recipiente tiepido.

A parte, in una pirofila da forno, bisogna stendere la polpa di pomodoro, i capperi, le olive nere tagliate a metà (o ad anelli), il basilico tritato, la mozzarella che prima abbiamo tagliato a dadini e il pecorino grattugiato. Versare inoltre un filo d’olio extravergine di oliva, mescolare e stendere il composto sul fondo della pirofila, in maniera quanto più uniforme possibile, facendo quindi attenzione a non lasciare spazi vuoti. Raffreddare a questo le pennette sotto acqua corrente fredda e scolarle di nuovo.

Dopo aver cotto la pasta e preparato il composto bisogna unirli all’interno d0ella pirofila, mischiando tutti gli ingredienti fino a quando il tutto non si sarà amalgamato per bene. Bisogna stendere la pasta senza schiacciarla, ma creando una superficie uniforme; spolverizzandola con una grattugiata di grana padano per poi infornarla a 200° per mezz’ora. Quando il formaggio sarà fuso si creerà una crosticina dorata in superficie, questo è il segnale che le penne rigate al forno con capperi e olive nere sono pronte. Si può estrarre la pirofila dal forno e impiattare a piacere, aggiungendo del grana padano sul fondo del piatto e servire la pasta ancora calda.

Le penne integrali

Una delle varianti molto apprezzata in questi ultimi anni è quello dell’utilizzo di pasta integrale, in questo caso pennette rigate integrali. Sugli scaffali dei supermercati o presso il proprio pastificio di fiducia è possibile trovare numerosi tipologie di penne e pennette integrali con le quali preparare le nostre penne rigate al forno con capperi e olive nere.

È importante scegliere pasta integrale realizzata completamente con semola di grano duro e nel rispetto della tradizione italiana che prevede la trafilatura al bronzo (rispetto a quella in teflon). La pasta integrale trafilata in bronzo è preferibile soprattutto perché permette di trattenere, grazie all’aspetto poroso e rugoso, di trattenere meglio i condimenti, soprattutto quelli a base di sugo.

L’utilizzo di penne integrali è adatta a chi ha fatto questa scelta alimentare, valorizzando il gusto del cereale e un’alimentazione con un maggiore apporto di fibre. Inoltre è consigliata per coloro che sono soggetti a particolari disturbi digestivi e che trovano in queste tipologie di pasta una soluzione ottimale, più leggera, senza rinunciare al gusto e alla passione di cucinare piatti colorati, belli da servire, ma soprattutto ottimi da mangiare.

Vi aspettiamo con la prossima ricetta su “Creare in Cucina”!

No votes yet.
Please wait...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


2 × tre =