Ricetta pomodori secchi sott’olio

pomodori secchi sott’olio

Quanto sono buoni i pomodori? E se stavolta provassimo a fare una ricetta sfiziosa, con una conservazione a lungo termine, ottima per contorni, pasti veloci e aperitivi sfiziosi con gli amici? Ecco allora ricetta per preparare i pomodori secchi sott’olio.

Gli ingredienti

Per poter preparare i pomodori secchi sott’olio avremo bisogno di:

  • 2kg di pomodoro (San Marzano);
  • sale fino q.b.;
  • olio extravergine d’oliva q.b.;
  • zucchero q.b.

La preparazione

Una volta a disposizione tutti gli ingredienti possiamo procedere con la preparazione di questa ricetta. La prima cosa che dobbiamo fare è quella di prendere i pomodori, lavarli e tagliarli a metà sul lato della lunghezza. Prendiamo quindi una teglia con un foglio di carta da forno e vi mettiamo sopra uno accanto all’altro i nostri pomodori. Passiamo di sale, olio e zucchero e li mettiamo nel forno statico per circa 10 ore a 120°. Per velocizzare la preparazione di 2kg di pomodori secchi sott’olio possiamo anche mettere due teglie contemporaneamente all’interno del nostro forno, facendo però attenzione ad alternarle a metà cottura, in modo da realizzare una cottura omogenea. In molti casi si predilige mettere i pomodori a seccare lasciandoli all’aria aperta su una tavola di legno ricoperta con una tovaglia o un canovaccio. In questo caso il tempo di essiccazione è di una settimana abbondante con i pomodori che vanno girati ogni tanto e coperti per evitare che vi finiscano sopra insetti e polvere. Quest’ultima opzione però è quella più rustica ma meno praticabile per chi vive in città.

Una volta che i pomodori si sono seccati li togliamo dalla teglia e li mettiamo a raffreddare su di una griglia. Nel frattempo possiamo occuparci della preparazione dei barattoli nei quali andremo a disporre e conservare i nostri pomodori secchi sott’olio. Per farlo prendiamo un canovaccio pulito da cucina e lo inseriamo sul fondo di una pentola molto capiente. Mettiamo i vasetti all’interno della pentola tenendoli distanti tra loro con un altro canovaccio in modo che non si scontrino durante la sterilizzazione.

Riempiamo la pentola e tutti i vasetti con dell’acqua fredda, accendiamo il gas a fuoco basso e facciamo bollire per trenta minuti circa. Una volta che l’acqua è giunta a ebollizione lasciamo raffreddare per poi estrarre ogni singolo vasetto e asciugarlo con un altro canovaccio.

Possiamo tornare ai nostri pomodori secchi e inserirli uno sopra l’altro all’interno dei vasetti appena sterilizzati. Ogni tanto, dopo aver inserito un po’ di pomodori secchi, aggiungiamo dell’olio extravergine d’oliva e pressiamo i pomodori, per poi proseguire inserendo gli altri e ripetendo la procedura. Completare quindi l’introduzione dei pomodori coprendoli completamente d’olio ma lasciando un paio di centimetri di spazio dal bordo di ogni barattolo. Se si formano delle bolle d’aria è sufficiente scuotere il barattolo per eliminarle.

A questo punto avvolgiamo i nostri barattoli ripieni di pomodori secchi sott’olio in dei canovacci puliti, li inseriamo nuovamente nella pentola e la riempiamo di acqua fredda, coprendo completamente i barattoli. Accendiamo il fornello e lasciamo cuocere per una ventina di minuti circa trascorsi i quali copriamo la pentola con un coperchio e lasciamo raffreddare l’acqua. Una volta raffreddata l’acqua estraiamo i barattoli verificandoli singolarmente che il sottovuoto si sia creato correttamente. Per verificarlo, se si è utilizzato un tappo di quelli classici a vite, si può premere sulla parte centrale e sentire il classico suono.

Se, dopo aver bollito i barattoli, ci sono ancora delle bolle d’aria basta battere il barattolo delicatamente su una superficie piana fino a vederle scomparire. A questo punto possiamo riporre i barattoli in un luogo asciutto e al riparo da fonti di calore. Dopo aver preparato i pomodori secchi sott’olio si consiglia di attendere una settimana circa prima di mangiarli.

I barattoli di pomodori secchi sott’olio possono essere consumati anche a distanza di tre mesi dopo la preparazione. È buona norma verificare per ogni barattolo, alla prima apertura, che il sottovuoto si sia mantenuto. Abbiamo già visto come procedere per i tappi a vite, per quelli con la guarnizione in gomma quando li si apre bisogna sentire un suono deciso, altrimenti il contenuto è da buttare perché non si è conservato bene.

Come utilizzarli

Esistono molte ricette per gustare i pomodori secchi sott’olio. C’è chi li ama gustare così, semplici, con una fetta di pane (o di pizza) magari accompagnato da un bicchiere di vino o di birra in compagnia di qualche amico. Possono quindi far parte di un antipasto, ma essere utilizzati anche come condimento per la pasta (in forma di pesto), sia accompagnando un secondo di pesce o per riempire un rotolo o dei panzerotti.

Insomma, i pomodori secchi sott’olio sono una delizia; l’importante e prepararli, poi il modo di gustarli lo si trova sempre.

Buon appetito!

No votes yet.
Please wait...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*